Una stanchezza micidiale mi siede sulle spalle. La fronteggio, io fronteggio sempre tutto, come no, ma è davvero pesante. Poi c’è la cresima di Francesca, piccole cose da definire, da organizzare. La chiesa è in cima a un colle, non c’è parcheggio, ci sono parenti anziani e un pò malmessi. Poi il regalo alla catechista"Fai tu Simo, l’hai fatto anche per la comunione", le altre mamme. "Avrebbe voglia di leggere in chiesa? Però dovrebbe venire sabato alla prova generale", il parroco. Francesca ha chiesto come regalo una chitarra: – Andare con lei a comprare chitarra – Mio padre appena operato ad un ginocchio non può andare a prendere il regalo: – andare con lei a prendere il regalo. – Andare al ristorante a concordare il menù. Lavorare, fare la spesa, cucinare, andare dall’assicuratore, in banca, ricaricare il cellulare, portarsi avanti col lavoro per la fondazione. Tra meno di un mese c’è il convegno.
Stanchezza micidiale.
Tu sei tornato, carico di recriminazioni sul mio essere "secca", distaccata, sulle tue malinconie, sui tuoi conti che non tornano, campione nel tentativo di far sentire ME in colpa. Non ci casco più, e te ho anche detto. Eppure non molli. E’ tutto assurdo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. Frank57 ha detto:

    sdrammatizzerei volentieri con una battuta su Simo una e trina, ma la realtà è ossessivamente pesante e sfiancante, sia a livello fisico che mentale. E se ti fermi sei perduta. Però sei anche forte. Molto. E capace di impiegare al meglio le tue risorse, senza essere condizionata dalle stesse. L’assurdità è in un tipo di vita che non concede margini per sostare, per recuperare la propria anima restituendola ad una dimensione più misurata.
    Resisti, reagisci, conserva lucidità perché è fondamentale. E poi una figlia che chiede come regalo una chitarra è, secondo me, una medaglia appuntata sul petto che devi far soppesare a parenti, conoscenti. E’ tua figlia, soprattutto e questo credo, davvero, che possa attenuare quella stanchezza che sta lì, sopra le spalle e pesa in modo inquietante.
    Ti abbraccio

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...