– I. ti riprenderà, prima o poi.

Quanto mi da fastidio Milly quando punta l’indice sicura.
Anche se non posso dire che non abbia ragione, che non mi conosca a fondo e che col tempo non abbia imparato a conoscere I. sia pure attraverso me.

Io non voglio essere una preda, ed è così che mi sento quando Milly usa quel verbo: riprendere.
Tu del resto ti stai dando un gran daffare. Premuroso, presentissimo, dolce, appassionato, aperto in un modo che mi spiazza. Poi crudamente mi dico "Al solito." Al solito dopo che senti la distanza emotiva farsi pericolosa. Mi stai aspettando.

– Voglio fare solo cose che ci piacciano, non voglio pensare a nient’altro che a stare con te e fare cose normali: due passi, cenare, chiacchierare un pò, poi…tutto il resto. Senza fretta, senza chissà quali aspettative. Voglio uscire presto dall’ufficio e vederti prima di cena, poi torno a prenderti. E poi sabato…sabato se mi dici quando puoi ritagliarti anche soltanto un’ora io vengo da te, e anche domenica.

E io qui a domandarmi il motivo di tanto slancio. Sì, lo so. Mi ami. Detto senza ironia è questo l’unico motivo. Anch’io ti amo, davvero. Però ci sono una montagna di condizionamenti che non riesco più ad ignorare mentre probabilmente dovrei.

– Ti amo perchè sei bella, dentro e fuori. Perchè mi capisci, mi stai vicino anche quando le mie parole assomigliano al rumore del gesso sulla lavagna. Poi perchè sei intelligente, dolce, perchè abbiamo tanti interessi in comune…

– I., dai…mi imbarazzi.

– Per una volta che parlo chiaro! – Ti sento sorridere. Ripenso al tuo sorriso, ai tuoi occhi, ai segni sottili attorno agli occhi. Ripenso a te non solo nella tua essenza, ripenso a te pelle muscoli saliva odore.
Ripenso a te e non so più che fare.

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. utente anonimo ha detto:

    Cupido, come il postino, scocca sempre la freccia due volte?
    Ti scriverò, chiaro.
    Un abbraccio e un fine settimana come auspichi :-))))))))))
    Frank57

  2. MLM ha detto:

    Simo ricordi la mia mail?
    Ricordi le tre opzioni?
    Ti ricordi la n°3?
    Ecco, io farei così.
    Lo sapevo che eri bella dentro e …fuori, me lo sentivo.
    Un abbraccio, Maria Luisa

  3. RobertoTossani ha detto:

    Non credo giovi molto a te, ma non sapere più che fare è una condizione mentale per me abituale.
    Che poi mi fa scrivere tutto in assonanza e rima (la mia panza? come prima).
    ;-*

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...