– Ormai odio questo posto, lo detesto proprio e odio quell’imbecille su al quarto piano. Ogni volta che vedo una sua mail o mi dice che ha bisogno di parlarmi mi viene mal di stomaco…Comunque lo so che sono io che devo cambiare, devo imparare a farmi un pò scivolare addosso quel suo modo di fare viscido, ambiguo. Poi lo sai che nel suo ufficio c’è una strana puzza? E’ assurdo ma sembra quasi puzza di salame rancido…in un ufficio del genere!

Rido di gusto.

-Ma dai! Sarà una tua impressione! Come fa un top manager ad avere l’ufficio che puzza di salame rancido???

– Ma è vero! Io me lo tenevo per me ma tempo fa è scesa C***a e ha detto che là dentro c’è puzza, puzza di qualcosa di stantìo. Puzza a parte comunque non ce la faccio più davvero Simo. Scapperei via.

– Fallo. Almeno per oggi. Prenditi mezza giornata, va in bici, va a correre, vai a casa a leggere. Fallo!

– Non posso.

**********

– Simo, sono io…

– Sento…Che succede?

– Ce la fai a fuggire per mezza giornata anche tu? Se lo fai tu lo faccio anch’io. Abbiamo tutto il tempo.

Non ci penso neanche mezzo minuto. – Sì. Dimmi dove.-

Un’ora e mezza di strada per te. Tre quarti d’ora per me. Un paesone che pare esistere solo in funzione della Milano-Venezia: un grande hotel, due più piccoli, la chiesa col campanile cilindrico con la scala a chiocciola, una pasticceria, un centro commerciale, tutto sospeso tra la campagna e la laguna. il posto più bello del mondo quando siamo lì. Pranzo con un cappuccino e una brioche e poi chiacchiere, carezze, sorrisi, risate, baci, tutto. Alle otto di sera siamo di nuovo a casa, a pensare che "casa" è ovunque sei tu, sono io, sono le nostre braccia, le noste mani.
Stamattina:

– Ieri sera dopo cena sono andato a correre. Non ce la facevo a stare a casa…

-A correre? Stanco com’eri? Caspita…

– Ero stanco ma…non so dirti…ero pieno di rabbia, di tristezza.

– Non serve che spieghi I., capisco benissimo. Ti prego, cerca di stare sereno.

– Certo, ci provo, ma ho bisogno di te.

Ti ho lasciato un cd pieno di musica che parla di me, e di me e di te.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

8 risposte a

  1. RobertoTossani ha detto:

    Per uno che non crede all’amore come me è curioso, ma tutto questo non posso fare altro che chiamarlo amore.
    Va bene così.
    :-*

  2. utente anonimo ha detto:

    Siete belli “voi due”.
    Appena posso ti scrivo, per il momento ti regalo una poesia:

    Non ti domando sicurezze, mai
    con te ho pensato a un amore routine.
    Se torni, quando torni per favore
    non dirmelo. Son queste le cose
    che non voglio sapere, che so.
    TU bada a non farmi promesse
    io a non chiederne.

    Daria Menicanti, Non ti domando

    Ti abbraccio, Maria Luisa

  3. DesertRoseInGarden ha detto:

    Ci sei proprio di nuovo dentro, eh? ..e con tutte le scarpe..
    Lo capisco, ti capisco..
    Il bisogno urgente dell’altro.. I buoni propositi che si sciolgono come neve al sole alla vista di due occhi..
    Perchè negarsi tutto ciò?
    Giusto godersi quello che fa stare meglio.. per lo meno finchè fa stare meglio.
    Quando comincia ad avvelenare l’esistenza, solo allora è giusto dire “basta”..
    Non è ancora il vosto caso, mi pare..
    Un abbraccio e che la luce resti accesa a lungo..

  4. vitarosa ha detto:

    Fuggire mezza giornata… mh.

  5. Frank57 ha detto:

    Ritorno. Riemergo. Leggo. Sorrido. Sono lieto della tua gioia. Della vostra, anzi.
    E quelle varianti del grigio (post del 16 aprile), una bella contraddizione in termini per chi vive nella luce, una sorta di arcobaleno alla rovescia, si sono dissolte come nebbia al sole. L’arcobaleno si è di nuovo capovolto, ma questa volta nel verso giusto.
    Un abbraccio

  6. yae ha detto:

    quante donne ci sono in te…

    (quella di questo post è la mia preferita. senza colpe, senza giudizi, nuda. purtroppo, spesso, straziata dall’altra. e dagli altri)

  7. paroledentro ha detto:

    spero che questo vostro ritrovarsi e riscoprirsi implichi una tregua che duri per sempre, con nuova serenità. la musica, poi, spesso è un ottimo collante. che ne dici?

  8. ChakraKan ha detto:

    come se vi vedessi…
    Un bacio tesoro e pensa solo al meglio.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...