Lord, I miss that girl
On the day we met the sun was shining down
Down on the valley
Riddled with horses running
Crushing them with flowers
I would have picked for her
On the day she was born
She runs through my veins like a long black river
And rattles my cage like a thunderstorm
Oh my soul

What does it mean?
What does it mean?
What does it mean to be so sad?
When someone you love
Someone you love is supposed to make you happy
What do you do
How do you keep love alive?
When it won’t
What, what are the words
They use when they know it’s over
"We need to talk," or
"I’m confused, maybe later you can come over"
I would’ve held your mother’s hand
On the day you was born
She runs through my veins
Like a long black river and rattles my cage
Like a thunderstorm
Oh, my soul
What does it mean?
What does it mean?
What does it mean to be so sad?
When someone you love
Someone you love is supposed to make you happy
What do you do
How do you keep love alive?
When it won’t
How do you keep love alive? 

RYAN ADDAMS – "How do you keep love alive?"

 

Sono entrata giorni fa in un megastore di CD e DVD. Un signore ascoltava questa canzone da una colonnina, io avevo scelto Sagi Rei. Ascoltava indeciso, dubbioso. Genere Pop Country, roba che qui in Italia, mmm…sì e no venderà qualche decina di copie, ma era talmente bella, dolce, ingenua, struggente questa canzone che alla fine gli ho detto di lasciare il cd alla casa: l’avrei preso io. Ora lo sta ascoltando, musica un pò ingenua ma magnificamente suonata, chitarra e pianoforte. Sarà che ho bisogno di tenerezza, di dolcezza, sarà che tu mi chiedi cose impossibili se tu per primo non ci credi, sarà che la tua tristezza mi resta addosso e non riesco a confortarti, allora cerco i miei escape fatti di niente. A volte funzionano, a volte no.

" Ho paura Simo. ho paura che di fronte alla sofferenza, alla strada tanto difficile, in un futuro si possa rinunciare a favore di qualcosa di meno intenso ma che fa meno male."

"A nome di chi parli, scusa?"

"E’ una mia paura…una se*ga mentale se vuoi…Vale per entrambi."

"I., quante volte hai incontrato l’amore in vita tua? Sincero, per favore."

"Una."

"Me compresa o esclusa?"

"Te compresa, stronzetta. Sei tu, soltanto tu. Lo sai che per me tu…"

"E allora che c***zo di viaggi ti fai?"

"E vabbè! Ma tu non costrire un castello su una mia sega mentale!"

"Vado a casa. Ciao."

Stamattina ho trovato una chiamata alle 11 di sera.

"Che succedeva a Brescia alle 11 di ieri sera?"

" Niente. Volevo…niente."

Niente.

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. Spuma ha detto:

    Forse sto dicendo una stronzata, ma mi pare che lui stia cercando un’ancora dentro di te….

  2. Dovesei ha detto:

    Rob…?

    Lory – Non credo tu sia andata distante dalla verità.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...