Torno a casa proprio perchè devo: passare dal notaio a firmare un atto di acquisto, l’ennesimo mattone-capestro al quale non ho potuto sottrarmi. Il notaio è altezzoso ed antipatico, la prassi fredda e deprimente, non scendiamo nemmeno al bar per "bagnare" il tutto. Non m’interessa, non me ne frega niente. Discuto con mio marito sulle scaffalature, sulla suddivisione degli spazi. Posticipiamo tutto al prossimo inverno.
Lavatrici. Estetista: ceretta. Giro in bici e vedo un abito in una vetrina, un coccio dell’estate, un abitino semplice e molto scollato, troppo leggero per questi giorni già troppo freschi. Lo compro lo stesso, lo metterò la prossima estate, ma non appena metto il sacchetto nel cesto della bici mi prende la paura. Che farò la prossima estate? Io e te esisteremo ancora? Sono giorni così stranamente quieti. Tu lavori e corri. Corri. Corri. Una sorta di Forrest Gump padano. Corri. Ti ho spinto io a cominciare. mi ha sempre impressionato quella forza fisica impressionante compressa in un uomo così poco imponente fisicamente. Non sei alto: un metro e settanta appena. Non sei particolarmente "piantato" eppure hai un’energia impressionante che non hai mai voluto liberare.
"Gioca a calcio."

"Non mi va il contatto con gli altri."

"Cammina, corri…"

"Non mi va di stare fuori"

Un giorno mi comunichi di aver acquistato un tapis roulant. Non sarà il massimo ma inizi ad usarlo. Ad un certo punto mi dici:

"Quasi quasi tento una corsetta fuori." Quanti mesi fa? Non molti, forse quattro, cinque. Inizi a macinare chilometri: cinque, sette, dieci. Ti scarica, dici. Avevo visto giusto. Tu vai sempre spinto, VUOI essere spinto. io detesto farlo, detesto dirti "Forse potresti…" "Perchè non…", eppure ogni volta che ti ho spinto a fare qualcosa poi sei stato contento. Solo che per ciò che riguarda noi due non ce la faccio. Io non posso, non voglio spingerti a fare nulla. Io sono qui, tu lo sai. Tanta strada l’abbiamo fatta ma molta ancora sarebbe da fare, per vivere un pò meglio. Io non so dirtelo, tu sai che si potrebbe ma hai tempi da tartaruga. Io NON VOGLIO dirtelo. Stamattina accenni a una breve vacanza.
"Sarebbe bello."

"Sì, bellissimo."

Ma non mi muovo. Muoviti tu.

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a

  1. vitarosa ha detto:

    Neanche una spintarella? Per dare l’impulso…

  2. Dovesei ha detto:

    No. 🙂

    Ciao Vitarosa.

  3. whydoc ha detto:

    hai già avuto culo a trovare un notaio aperto ad agosto, mica lo puoi pretendere simpatico!
    😉

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...