Ci sono giorni che scherzano. Nascono ingrugnati e grigi per diventare pieni di nebbia dorata, di luce avvolgente che fa venir voglia di stare all’aperto, anche un parco va bene, anche il mio enorme terrazzo coi gerani e le plumbago che sono dieci volte più belli ora che in piena estate. O ai giardini Margherita, seduta sul tronco dell’albero secolare che tante volte ha fatto da divano a me e alle mie amiche. O all’ Orto Botanico, a inerpicarsi su per la chiocciola fino al piccolo belvedere.
Invece no. Qui. Tu lì. Piero in negozio. Flo nel nuovo ufficio. Tutti impegnati. Tic-tic-tic-tic-tic. Ognuno lavora e di tanto in tanto rincorre pensieri, problemi, insoddisfazioni, stanchezze, considerazioni.
Mai ricevuti tanti pvt come per il post precedente. Grazie, comunque l’abbiate messa giù. L’amore esiste, anche se ho dovuto aspettare troppi anni prima di incontrarlo, ho fatto scelte sbagliate, riscelte, obbligate, ma l’amore esiste. C’è. Costa fatica e alla fine se te lo vivi nell’unico modo possibile lo devi mescolare a mille altri sapori. Settembre mi ha regalato molte cose: luoghi, parole, pagine, musica, chilometri, sapori. Poi tu, soprattutto tu, i tuoi passi decisi e dolorosi e gioiosi. Bella fetta di vita da luglio ad oggi. Prendo e metto via, non dico nulla, non spero nulla, ci teniamo stretti e basta, io non voglio altro e se tornerai stronzo te lo dirò e litigheremo. Punto. L’altro giorno mi hai strappato un sorriso.

– Cosa dici Simo? Vado a fare l’altra mezza maratona, quella a Maner*bio? – Sorrido tra me e me.

– Queste non sono domande che si fanno all’Altra!

– Tu non sei un’altra, non sei la prima che passa per strada.

– Ok. allora per me è un sì, ce la puoi fare, basta che non ti metti intesta di battere te stesso, il tempo che hai fatto l’altra volta.

– Non si può dire che tu non mi conosca…

– Appunto. E so che se ci mettessi anche solo un quarto d’ora in più poi ti abbatteresti, e questa non la voglio, capito?

– Ok. Deciderò solo se sarò tranquillo. Hai ragione. Simo…

– Niente. Avevo voglia di dire il tuo nome.

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. yae ha detto:

    pane, amore e jogging!

  2. Masso57 ha detto:

    “non dico nulla, non spero nulla, ci teniamo stretti e basta”: appunto, non serve altro. Il resto è solo contorno e decorazione, il pacco dono coi fiocchi: questo è il regalo che conta.

  3. bbbk ha detto:

    Bello…

    Un caro saluto Simo!

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...