E me canzòn d’amuur en scrivi mea E io canzoni d’amore non ne scrivo
ma g’ho el coer in soe la punta del furcòn ma ho il cuore sulla punta del forcone
e g’ho la scüsa che pèli una scigùla e ho la scusa che pelo una cipolla
e g’ho i öcc cumè un para de scerees e ho gli occhi come un paio di ciliege
   
I mè amiis disen ropp che sann de gràpa I miei amici dicono cose che san di grappa
e henn leoni faa de carta e de verniis sono leoni fatti di carta e di vernice
e la sann che sun pioe bon de giügà a scupa e sanno che non sono più capace di giocare a scopa
quaand te vedi giò al cunsorzio o al caamp di bucc quando ti vedo giù al consorzio o al campo di bocce
   
E a questa edera che la rampéga E a questa edera che si arrampica
dai mè scarponi al mè capèll dai miei scarponi al mio cappello
ghe foo i carèzz intaant che me suféga faccio le carezze intanto che mi soffoca
da giardinieer sun diventaa un restèll da giardiniere sono diventato un rastrello
   
E al tramuunt quand che’l suu el betéga e al tramonto quando il sole balbetta
prepari i röös che riessi mai a dàtt preparo le rose che non riesco mai a darti
g’ho un sentimeent che l’è una motosega ho un sentimento che è una motosega
e un coer stremmii che solta cumè un sciàtt e un cuore impaurito che salta come un rospo
   
E me canzon d’amuur en scrivi mea E io canzoni d’amore non ne scrivo
e cun la vanga scundi i pass di mè pensee e con la vanga nascondo i passi dei miei pensieri
el merlu el riid, ma urmai chi se ne frega il merlo ride, ma ormai chi se ne frega
l’erba la crèss per vedè cussè che foo l’erba cresce per vedere quello che faccio
   
El tò muruus el gira el muund in barca a vela Il tuo fidanzato gira il mondo in barca a vela
e me sun mai naa foe de sto giardén e io non sono mai uscito da questo giardino
me sunt un fiuur che anziché verdess el se sàra io sono un fiore che invece che aprirsi si chiude
e di mè röös i henn restaa lé dumà i spénn e delle mie rose sono rimaste solo le spine
   
E a questa edera che la rampéga E a questa edera che si arrampica
dai me scarponi al mè capèll dai miei scarponi al mio cappello
ghe foo i carèzz intaant che me suféga faccio le carezze intanto che mi soffoca
da giardinieer sun divantaa un restèll da giardiniere sono diventato un rastrello
   
E al tramuunt quand che’l suu el betéga E al tramonto quando il sole balbetta
prepari i röös che riesi mai a dàtt preparo le rose che non riesco mai a darti
gh’ho un sentimeent che l’è una motosega ho un sentimento che è una motosega
e un coer stremmii che solta cumè un sciàtt e ho un cuore impaurito che salta come un rospo
   
E me canzòn d’amuur en scrivi mea E io canzoni d’amore non ne scrivo
e me canzòn d’amuur en scrivi mai…. e io canzoni d’amore non ne scrivo mai…

 

 
 
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

Una risposta a

  1. RobertoTossani ha detto:

    E’ un testo bellissimo.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...