Parlo della Littizzetto et voilà, me la ritrovo ieri sera da Fazio seduta sul pacco del mitico Baglioni.
Allora ho osservato, ho ascoltato ed ho concluso che:

– Sono mooolto più carina della Littizzetto. ( Vabbè, non ci vuole molto.)

– Sono mooolto più alta della Littizzetto. ( Ok, anche qua non ci vuole molto.)

– Lei una forza della natura ma anch’io mica scherzo.

– Non mi sarei MAI seduta sui gioielli di famiglia del Claudio: lo trovo infantile e poco signorile.

– Adoro Fabio Fazio.

– Adoro Baglioni nonostante tutto: il suo mostruoso lifting che gli da quell’aspetto imbalsamato, quella postura controllata che lo rende subumano, quelle giacche di pelle che fanno tanto badante ucraina. Basta che si sieda al piano ed inizi a cantare. Sono sempre stata combattuta fin da quand’ero ragazzina: Baglioni o De Gregori? Uno è la mia parte nazionalpopolare, l’altro tocca le stesse identiche corde in altro modo, da un’altra direzione. Una voce accarezza, l’altre graffia. E chissenefrega se Baglioni mai ha scritto nè sciverà pezzi come "La storia siamo noi". Francesco mi è scivolato su "Buonanotte Fiorellino", Claudio sul famoso passerotto non andare via ma si è ampiamente rifatto con "Fammi andar via", "I vecchi", "Avrai". Insomma, amo questi due pezzi di storia della musica italiana.

Le mie incazzature procedono spedite, si accodano una all’altra come perle di una collana. Da venerdì sera ero ( e sono) in silenzio stampa. Nessuno dei già scarsi cenni di presenza che do nei fine settimana. E’ una mia silenziosa scelta, da sempre. Pochi i messaggi, pochissimi. Stavolta: 0. Mi sono sentita troppo sballottata, scossa, un foglio di parole lasciato in balìa del vento. Restassi a contare le tue incertezze, ad accarezzare problemi affrontabilissimi fino a sfigurarli. Ad un certo punto sono problemi TUOI, non miei.
Sabato mattina silenzio. Alle undici e mezza mi squilla il cellulare.

– "Ivan. Accetta – Rifiuta – Guarda un pò come la fredda tecnologia sappia essere alle volte estremamente espressiva nella sua pragmaticità. Ovvio che accetto: non abbiamo dodici anni, però il mio saluto non dev’essere molto caloroso perchè…

– Alura?

– "ALURA" che, Ivan?

– Cos’è ‘sto silenzio?

– Perchè? Posso chiamarti IO, semmai lo desiderassi?

Lo "stronza" resta inespresso ma arriva come sottotitolo. Cerchi di moderarti ma non ci riesci.

" IO NON CAPISCO PERCHE’ TU TI SIA COSI’ ARRABBIATA! LO SAI COME SONO FATTO! MI AGITO FINCHE’ NON SEI QUI! DOVRESTI CONOSCERMI ORMAI!

– Senti bello, il fatto che io sappia come sei fatto non vuol dire che ti capisca SEMPRE-COMUNQUE-TOTALMENTE!

– ALLORA SE LA METTI COSI’ NON SE NE FA NIENTE! VUOI CHE NON CI VEDIAMO??

– PERFETTO! NON CI VEDIAMO!

– MA SEI SUNADA?? CERTO CHE CI VEDIAMO!

– Allora che cazzo dici? Che provochi? Piantala! Lasciami stare!

– Ma non sei contenta di sentirmi?

No. Quando sei così non posso parlarti. Preda delle tue paranoie non sai più quello che dici.
-Ivan, se hai bisogno di una pompata al tuo ego rivolgiti altrove. Ciao.- Dall’altra parte una serie di parole tipo codice fiscale. Ma che ne andassi affanculo.

Ieri mattina me ne sto a fare colazione con Flo. Non ho smoccolato nemmeno più di tanto, le ho raccontato il minimo. Conclusione della Flo:

– El bocia no l’ha tuti i zoba al cuerto, poareto. L’è fora con le frasche. TRAD. "Il ragazzo non ha tutti i giovedì al coperto. E’ fuori con le frasche."- Insomma, è matto, fuori di testa. Concordo. Nel momento stesso in cui concordo con la mia impagabile amica, TADANN! Eccolo qua, alle dieci e mezza della domenica mattina. Flo mi guarda trasfigurata, come dire "Ma guarda però, che tenero!" Rispondo, sempre amichevole come il cugino It.

– Pronto.

– Anfanf…hhhhhhhmmmfff…anf…Ciao bella…disturbo?HHHHHHH!!!!

– No, certo che no. Ma che hai? Stai male?

– No è che….hhhhhhhffffffff…ho appena finito di correre una 12 chilometri…anffff…

– Bèh…riprendi fiato…Dai, ci sentiremo con più calma.

– Non mi piace che tu ti arrabbi così con me…anfanf…Vedi, io LO SO di essere fatto male, di avere 3000 paturnie, di agitarmi ma checcazzo ci posso fare?? Io ce la metto tutta per restare tranquillo ma mica sempre mi riesce!

– Diciamo che non ti riesce quasi mai!

– Senti Simo, prendilo come un allenamento: magari col tempo…Oppure…

– Ivan, un allenamento di cinque anni mi pare sufficiente. NON MI ABITUO A ‘STE PATURNIE! Vedi di abituarti TU ad affrontare le cose un pò più serenamente.

Floriana mi guarda scuotendo la testa: sulla sua testa lampeggia una scritta, poi confermata: "Però sei cattiva…"

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

10 risposte a

  1. whydoc ha detto:

    cattiva, confermo.

  2. Dovesei ha detto:

    Ma guardi Doc, non avevo dubbi, ecco!

  3. RobertoTossani ha detto:

    Per quanto riguarda la prima parte del post mi trovo sostanzialmente d’accordo sul rapporto tu-Littizetto, su Fazio, su Baglioni – De Gregori (anche se il mio piacere dovuto a Baglioni è legato strettamente a episodi di sesso-amore adolescenziali e post-adolescenziali, mentre De Gregori era piacere e basta, svincolato).
    Per la seconda parte del post… Tu cattiva? No, affatto. Noi maschi paranoici-dubitanti-ansiogeni-intorcolati-indecisi andiamo trattati così. Adorabile stronza che non sei altro ;-*

  4. Dovesei ha detto:

    E figuriamoci se Rob non mi tirava fuori l’equazione Baglioni/struscio/limonateaperdifiato/sesso.
    Baglioni mio che è la summa del romanticismo a te evoca sex sessions. In pratica partivi dal passerotto per…non dai che poi divento volgare.

    Per il resto confermo: VOI maschi di un certo tipo andate trattati così. pena la perdità dei 4 neuroni 4 che ancora qualcuna di noi possiede.

  5. RobertoTossani ha detto:

    Uffa, ma perché mi prendete tutti per un sessuomane? Perché, vorrei sapere, eh?
    ;-P

    Oh, senti, che poi VOI che avete ancora ‘sti 4 neuroni 4, che se poi vi diventiamo da un giorno all’altro sicuri-spallelarghe-coraggiosi-lineari-propositivi magari non vi piacciamo neanche più, a VOI, oh!

  6. whydoc ha detto:

    io canto avrai sotto la doccia!

    la Littizzetto è ospite fissa da Fazio

    il lifting di baglioni fa un po’ star trek

    e tu? già ricorsa al bisturi?

  7. PC1969 ha detto:

    Magari ti sei rotta un po’ i maroni.
    Succede.

  8. vitarosa ha detto:

    Cattiveria? No, sembra istinto di sopravvivenza.
    Ho visto Baglioni ieri sera, e anche a me la sua voce ha ricordato momenti solenni dell’adolescenza… che ci posso fare? A parte il lifting (credo che abbia cominciato dopo quel grave incidente automobilistico in cui rimase sfigurato), non ho capito perché camminava come i bambolotti con le pile.

  9. Jexie ha detto:

    Ho bisogno del tuo aiuto..
    Sto partecipando ad un reality e rischio di essere eliminata in nomination..
    Se vuoi salvarmi vai su http://www.vipditurno.splinder.com
    e scrivi nei commenti dell’ultimo post “Salvo Jexie”
    Grazie mille…

  10. zoca ha detto:

    “El bocia no l’ha tuti i zoba al cuerto”.
    Fantastico, sto ancora ridendo.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...