– Sai Simo, ieri sera sono salito in macchina; non l’avevo più adoperata da quando ci siamo salutati. Mi è arrivato subito il tuo profumo, l’ho sentito…e mi sono sentito come il dottor Zivago su quel tram, quando vede la ragazza che assomiglia a Lara…extrasistole a mille…

Tenerezza infinita. Sconcerto per il sentirtela dire, tu di solito così timido nel buttare fuori sensazioni così sottili.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a

  1. RobertoTossani ha detto:

    Se non fosse stato lui a dirlo, avrei fatto un commento acido e cinico.
    Ma detta da lui, è bellissima.

  2. abreast ha detto:

    piccoli momenti di felicità…

  3. Dovesei ha detto:

    Rob – per caso mi volevi rammentare la fine del film? :)-
    Datti una toccatina, va!

    Abreast – piccoli momenti di grande completezza, di sentirsi almeno per qualche attimo, ora giorno, in pace col mondo, senza che i sentimenti facciano male anzichè bene. Finche dura…

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...