Qualche sera fa il trainer della mia palestra mi ha rimaneggiato totalmente la scheda. Forse ha deciso che devo stramazzare al suolo, che quello che facevo era diventato troppo soft fattostà che mi ha aumentato l’allenamento aerobico di due terzi, non uno scherzo. Ho guardato la scheda, ho guardato lui, il rude Lucio, e mi son detta "Ce la posso fare".
L’altra sera ce l’ho fatta, oggi invece no. Oggi il mio corpo non mi risponde come vorrei: energia zero, anzi, sotto zero. Arrivo in palestra, mi metto immediatamente a pedalare. Arriva Lucio: " Non devi scendermi al di sotto dei 70 km orari, a questa pendenza." Deglutisco. Pedalare a 70 all’ora per un quarto d’ora filato non è uno scherzo, comunque pedalo guardando il gelo fuori dalle vetrate, smoccolando tra me e me contro chisoio. Poi sento una voce:

– Ciao. Sono Luca. Lucio va via. Da ora in poi ti seguo io. – Vedo una mano che si allunga. Ho i capelli sugli occhi, non vedo un tubo. Ma che vuole questo? Tiro indietro i capelli e porgo la mano e c…aspita! Che meraviglia! Due occhi blu scuro, sorriso incantevole, capelli scuri, non molto alto ma con tutto ciò che ci vuole al posto giusto. Nota dolente: età. Avrà attorno ai 30. Ma poi chissenefrega di questo bell’esemplare. Ne ho già tante a cui pensare, comunque prendo nota: gran bel ragazzo. Nessun dubbio.
il gran bel ragazzo è anche gentilmente loquace perchè si piazza lì di fianco, mi corregge la postura, mi chiede dove abito, che lavoro faccio, quanto tempo ci metto ad arrivarci. MA CHE VUOI?? Guardo Flo di sottecchi. Mi fa un segno inequivocabile della serie "gran tocco di…". OK, ma torno a dire CHE VUOLE QUESTO DA ME? E poi io sono come un carabiniere: so fare una sola cosa per volta quindi o pedalo…o pedalo. Ma lui no, resta lì anche se ormai sostengo la conversazione da afasica. Mi sorride. Che bel sorriso. E’ chiacchierino ma pacato, parla lentamente, educatamente. Mi racconta di una ex fidanzata pazza furiosa che amava il bungee jumping e lo prendeva in giro perchè lui soffre di vertigini. Mi accompagna ai tappetini, si sdraia e mi suggerisce strategie per gli addominali, mi sistema i pesi alle macchine, si ripiazza a mò di bodyguard quando faccio il tapis roulant…NON CE LA FACCIO PIUUUU’!!!
Comunque è veramente molto carino.

– Oh Simo, hai fatto colpo eeeehhhh?! – Flo

– Flo, posso mandarti a cagare? Ma quale colpo? Potrei essere sua madre!

– Sì, di quattordici anni.

– BIOLOGICAMENTE potrei esserlo, e poi fare il carino è il suo mestiere.

– Non è vero. A me non m’ha mai cagata, manco di striscio.

– Bèh te lo cedo. ‘o voi? NONMENEFREGANIENTEEEE!!!

– Simo che brutta cosa…stai disimparando a giocare, a farti corteggiare anche solo per gioco, per gentilezza.

E’ vero. E’ una bruttissima cosa.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

11 risposte a

  1. RobertoTossani ha detto:

    Orribile davvero, Simo.
    Non sto scherzando.
    Per favore: torna a giocare un po’, vuoi?
    Bacio.

  2. abreast ha detto:

    la vita è un gioco!

  3. Dovesei ha detto:

    Rob – riconosco per prima che è vero, e che è orribile, ma in questo periodo sono uno schiacciasassi: manco di lievità in modo totale, preoccupante, pesante.
    Lavoro, vado in auto, faccio la spesa, cucino, vado in palestra, tutto col pilota automatico.
    Il punto è che avrei bisogno di un pò di leggerezza attorno a me, ma non ne vedo. Ma poi torno sai… : )

    Abreast – Certo che si può paragonare la vita ad un gioco, ma a volte è pesaaante! E passa la voglia di giocare.

  4. Masso57 ha detto:

    (tono un po’ da rompico***oni, alla Marzullo…):

    ma la vita è un gioco, o i giochi aiutano a vivere meglio?

  5. Dovesei ha detto:

    : )

    La seconda che hai detto Masso, senza dubbio. E tagliati la zazzera che i boccoli fanno tanto fricchettone.

  6. Jexie ha detto:

    Prova tu a prendere un pò le cose con leggerezza e cerca di vivere senza farti pesare nulla.. se qualcosa ti pesa cancellala per un pò..
    e dedicati ad alro.. ti aiuterà a rimmetterti in carreggiata con una spinta in più.
    Ah da domani vengo in palestra con te eheheh
    Bacioniiiiiiiiiiii

  7. cucchiaino ha detto:

    giocare con leggerezza è difficile quando c’è un amore che “pesa” più dentro.

    credo….

  8. stann ha detto:

    confermo.
    bruttissima cosa.
    ma passa, di certo. 🙂

  9. caporaleReyes ha detto:

    bruttissima? sei capace di far girare un lavoro, una famiglia, un amante e ti trovi anche il tempo per la palestra, a me già così sembri superwoman; credimi, dopo sti carichi da novanta troveresti le energie anche per flirtare solo dopandoti.

  10. PC1969 ha detto:

    Pero’!
    Io sarei solo contento di ricevere un complimento da una ragazza molto piu’ giovane di me…
    Vorrebbe dire che me la cavo ancora piu’ che bene!

    PAVEL

  11. Dovesei ha detto:

    Jexie – Ecco, a te potrei proprio dare l’indirizzo della palestra: sei nella giusta fascia d’età. 🙂

    Cucchiaino – Hai colto, come sempre, il punto.

    Caporale – Troppo simpatico! Eppure credimi: non si fa MAI abbastanza.

    Pavlen – Massì…sì…ma ci sono giorni, momenti, in cui si ha voglia di starsene al sicuro nella propria corazza da armadillo.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...