Il ritorno

Il volto di una persona che sta ricordando è quello di una margherita che spende volentieri suoi petali senza volere nulla in cambio. E’ quello di chi maledice il tempo per aver sciacquato i suoi pennelli senza chiedere il permesso. E’ quello di un bambino che ti chiede come si fa a capire da che punto inizia il domani.
Quando tu parti la tua valigia è piena di cose, ma tu ne contieni molte di più.
Quando parti, il mondo vede passare il treno, ma il treno vede passare il mondo.

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il ritorno

  1. RobertoTossani ha detto:

    Sì, davvero.
    Bacio.

  2. Jexie ha detto:

    Oddio oggi sono rincoglionita, ho cercato di capire cosa accade ma inutile dire che non ci sono riuscita.
    Sono tristi le tue metafore..
    Spero tu stia bene..
    bacio

  3. abreast ha detto:

    sono tornato… ed ho letto tutti gli “arretrati”, anche se non ho commentato nulla!

  4. cucchiaino ha detto:

    sei elegantemente dolce!

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...