Fotografie

Capita ogni tanto che me ne arrivino con la posta elettronica. Oggi me ne sono arrivate quattro, una da mio padre, tre da te.
Mio padre ha settant’anni, una vita molto ricca e movimentata alle spalle, ha girato veramente per tutto il mondo, è stato un uomo tremendamente inquieto, un padre decisamente carente ed assente, troppo impegnato a viaggiare per lavoro e a viversi la sua, di vita. Anni fa si è trasferito con mia madre qui, dove vivo io: da Bologna al veneto-nord-est, il paese che non c’è, come ha magistralmente scritto Ma*ssimo P*riviero. Si è calmato, papà: un infarto prima, un tumore all’intestino a seguire, varie vicissitudini con mia madre, calmo ma con misura. Cerca di vivere a 360°, per come l’età e le giornate glie lo permettono.
Da poco ha scoperto il computer e Internet. Da poco ha scoperto le fotocamere digitali e si scatena. Passa ore su G*oogle Ea*rth, A*nsa, quotidiani on line, mi invita a pranzo via e-mail. non ho mai avuto un rapporto semplice, facile con lui, sempre a pretendre che fossi la migliore in tutto, sempre silenziosamente a pretendere che non sbagliassi mai, mai una sbavatura. Mia madre? Una mamma-bimba, figlia della mia adorata nonna Mati fino all’ultimo, e nonna Mati è morta a 97 anni, tre anni fa. Mi ha cresciuta lei, nonna Mati.
Papà cerca di recuperare come può. Adora Luca e Franci, con me riesce poco: io sono come gli elefanti, non dimentico mancanze, rudezza, assenze, fughe, ma lo rispetto papà, gli voglio bene, lo ammiro per la forza infinita con la quale aggredisce la vita, per la sua voglia di imparare, capire, scoprire.
Oggi mi arriva una foto da lui, una foto di mia madre. Mamma è stata, è, una bellissima donna. La pelle chiara ancora compatta, i capelli castano chiaro, gli occhi scurissimi che guardano lontano, fuori dalla finestra del salotto. So che vede la quercia e il prato. E’ un pò triste. Il titolo della foto è "Gli anni passano". Oh cacchio papà…che colpo gobbo. Accidenti.
Passo alle tue, di foto. Sono foto scattate alla m*zza m*aratona che hai fatto domenica scorsa, le classiche foto che vengono scattate dai fotografi ufficiali di gara. Apro e sempre, ancora, quel click al cuore. Sei tu, proprio tu, con quell’espressione intensa che è assolutamente tua, solo tua, che ti ho letto sul viso dal primo istante in cui ti ho incontrato. Molto pallido per il freddo, una tuta scura, i guanti bluette, corri.

– Non sai quante cose penso mentre corro, pe*r non se*ntire la fat*ica. A un certo punto sono passato davanti a un cartellone che diceva "T*rilo*gy si rinnova" mi sei venuta in mente ma non capivo perchè, cosa c’entrassi tu con quella parola, poi mi sono ricordato che è quell’ane*llo che hai. Poi mi è venuta in mente la strofa stupida di una canzone stupida della P*ausini, la so*litudine. Io la odio la P*ausini e le sue canzoni melense ma non riuscivo a non ripetermela. Renditi conto."

Mi rendo conto che ti adoro. Davvero.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Fotografie

  1. abreast ha detto:

    lascia che ti dica una cosa soltanto: tuo padre, seppure a settanta anni, ha comunque la voglia di vivere e cerca di farlo (anche) utilizzando uno strumento che “non gli appartiene” quale il mondo dell’elettronica e dell’informatica, non per volerlo offendere ma perchè è difficile trovare qualcuno alla sua età che si “avvicini ad internet”.
    è bellissimo che lui condivida con te questo mondo, ancor più bello che lo usi per inviarti immagini digitali che lo/vi ritraggono! io ho cercato di far capire tutto questo a chi mi è accanto, ma ho ricevuto solo un SECCO RIFIUTO e un invito a continuare il mio cammino da solo… deprimente, non credi?

  2. Dovesei ha detto:

    Dipende da chi ti ha opposto un rifiuto. Se è una persona in là con gli anni magari è anche comprensibile, non tutti hanno voglia e capacità di imparare anche quel minimo che serve.
    Se invece parli di persone con le quali hai un qualsiasi legame affettivo, bèh sì, è una cosa un pò triste.

  3. utente anonimo ha detto:

    Ciao Simo!
    Visto che siamo in tema di foto, ti vorrei chiedere un’informazione “tecnica”. Tempo fa in un post hai scritto che hai comprato una macchina digitale all’asta e siccome abito anch’io nel nord est, volevo sapere dove l’hai presa e dove posso reperire informazioni sulle modalità di partecipazione a queste aste.
    Grazie mille!
    Katia

  4. Dovesei ha detto:

    A dire il vero l’ha presa mio figlio su E-B*ay. Basta andare sul sito e registrarsi. Bada che chiedono informazioni precise, compreso il codice fiscale però è un sito serio, non mi pare succedano casini. Molte cose si possono acquistare, una volta aggiudicate, pagando anche contrassegno. Questa è l’unico paletto che mi sono imposta e che ho imposto. Niente pagamento con carta di credito. Si fanno anche dei discreti affari. l’ultimo acquisto è stato un lettore mp3.

    ciao.

  5. utente anonimo ha detto:

    Ah, chissà perchè avevo capito che avevi preso la macchina ad un’asta di cose sequestrate alla dogana, ma forse l’ho letto in qualche altro blog.
    Grazie lo stesso per l’informazione, conosco bene e-bay, lo consulterò.
    Katia

  6. abreast ha detto:

    la seconda che hai detto, Simo… PURTROPPO!!!

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...