Oggi solo questa

Polenta e gallina fredda

e un fantasma in söe la veranda

e un fantasma sulla veranda

barbèra cume’ petròli

barbera come petrolio

e anca la löena me paar che sbanda…

e anche la luna mi sembra che sbandi…

cadrèga che fa frecàss

seggiola che fa rumore

e buca vèrta che diis nagòtt

e bocca aperta che non dice niente,

dumà la radio sgraffigna l’aria

solo la radio graffia l’aria

e i pensee fànn un gran casòtt….

e i pensieri fanno un gran casino…

 

 

L’è mea vèra che nel silenzio

Non è vero che nel silenzio

dorma dumà la malincunìa

dorme solo la malinconia,

l’è mea vèra che un tuscanèll

non è vero che un toscanello

l’è mea bòn de fa una puesìa

non è capace di fare una poesia,

in questa stanza senza urelògg

in questa stanza senza orologi

bàla la fata e bàla la stria

balla la fata e balla la strega

in questu siit senza la lüüs

in questo posto senza la luce

che diis tücoos l’è duma’ l’umbrìa….

che dice tutto è solo l’ombra….

 

 

E scùlta el veent che pìca la pòrta

E ascolta il vento che picchia alla porta

cun in cràpa una nìgula e in bràsc una sporta

con in testa una nuvola e in braccio una borsa

el diis che g’ha deent un el regàal

dice che ha dentro un bel regalo

me sa che l’è el sòlito tempuraal….

mi sa che è il solito temporale….

E scùlta i spiriti e scùlta i fulètt

E ascolta gli spiriti e ascolta i folletti

che ranpèghen söel müür e sòlten föe di cassètt

che si arrampicano sul muro e saltan fuori dai cassetti

g’hann söe i vestii de quand sèri penènn

indossano i vestiti di quand’ero piccolo

i ne vànn e i ne vègnen cun’t el büceer del vènn…

e vanno e vengono con il bicchiere del vino….

 

 

E la candela la sta mai ferma

E la candela non sta mai ferma

e la se möev cumè la memoria

e si muove come la memoria

anca el ràgn söe la balaüstra

anche il ragno sulla balaustra

ricàma el quadru de la sua storia

ricama il quadro della sua storia

la ragnatela di mè pensèe

la ragnatela dei miei pensieri

la ciàpa tütt quèll che rüva scià

prende tutto quello che arriva

ma tanti voolt la g’ha troppi böcc

ma tante volte ha troppi buchi

e l’è tüta de rammendà….

ed è tutta da rammendare…

 

 

La finestra la sbàtt i all,

La finestra sbatte le ali,

ma la sà che po’ mea na’ via

ma lo sa che non può andar via

e i stèll g’hann la facia lüstra

e le stelle hanno la faccia lucida

cumè i öcc de la nustalgìa

come gli occhi della nostalgia

in questa stanza senza nissöen,

in questa stanza senza nessuno,

vàrdi luntàn e se vedi in facia

guardo lontano e mi vedo in faccia

in questa stanza de un òltru teemp,

in questa stanza di un altro tempo,

i mè fantasmi i làssen la traccia…..

i miei fantasmi lasciano la traccia….

Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Oggi solo questa

  1. chis ha detto:

    Che sarebbe un po’ come la versione epica di “Tac i ti tàc…. ”
    Non son lombarda, ma ho sentito qualcosa di lì, o sbaglio ???

  2. Dovesei ha detto:

    Chis – Lumbard proprio: comasco per l’esattezza.

    Stann – S’è mica capito che lo adoro? 🙂

  3. PC1969 ha detto:

    Buongiorno a tutti!

    Il meteo.
    su Bologna il sole splende , cielo limpido. I viali sono bloccati dal traffico ed in zona fiera per fare 100m occorrono 15 minuti.
    Domani compleanno di mia figlia, festa e casino tutto il giorno. Ne fa 8. Speriamo che sua madre sia sopportabile.

    Dio, adoro la mia citta’!

    A presto!

  4. stann ha detto:

    trovo che Davide VanDeSfroos abbia saputo rivalutare il dialetto lombardo (tremezzino, per la precisione, quel centro lago comasco che sta molto vicino a Lugano) mettendoci una vena poetica che e’ di pochi.
    Un dialetto che rischiava di venir relegato negli orrendi cartelli “bilingue” voluti dalle amministrazioni leghiste.
    nota per i lettori “stranieri” :-)) :
    van de sfroos non e’ un cognome fiammingo. in dialetto significa “andar di frodo, contrabbandare”.
    (s’e’ capito che piace anche a me?)

  5. Dovesei ha detto:

    Per completare la uichipidia su DVDS aggiungo a mio modesto parere che è anche un bell’ometto, o forse è soltanto che quando lo si guarda negli occhi si intravvedono molte belle cose.
    Questo pezzo in particolare è stato scritto un 26 dicembre, uno di quei giorni particolari in cui, finito il benevolo caos natalizio, ti ritrovi da solo, magari a cenare con gli avanzi e un fardello di ricordi che ti pesa sulle spalle, arrivato chissà da dove, all’improvviso.

    PAVEL – Tu mi vuoi far crepare d’invidia. Pur di essere a Bologna mi sobbarcherei anche le code, o anche via S.Felice a piedi ( l’unica strada di Bologna che mi angoscia per il puzzo di smog che lì stagna.)
    Ti invidio meno per la festicciola pomeridiana…mmmhh… :*

  6. MariaLuisaM ha detto:

    Vero, alle ore 8.00 su Bologna il sole splendeva e il cielo era limpido.

    Alla fermata del 35 dell’Ospedale Maggiore direzione Stazione un’esercito di badanti che han fatto la notte.

    Per il tragitto Maggiore/Stazione, il 35 ci ha messo tre quarti d’ora facendo praticamente il giro dell’oca.

    Altri tre quarti d’ora per arrivare dove sono.

    E’ tutto fantastico.

    Maria Luisa

  7. abreast ha detto:

    anche da queste parti c’è una bellissima giornata, oggi, così come c’è stata ieri. invece mi risulta che nelle tue zone un giorno sì e l’altro pure piova… sai che c’è chi definisce quelle parti il “pisciatoio d’italia”? senza offesa, naturalmente!

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...