Alla fine non hai resistito e mi hai inviato il file di "Puo*i Uc*cidermi" di M. Bu*bola. La tua prontezza fosse uguale nel tenerti dentro certe p*uttanate che ti escono ogni tanto.
Non c’è nulla da fare, il nostro non sarà mai un rapporto tranquillo anche se una larga fetta di serenità ce la siamo conquistati sul campo, perchè abbiamo sempre creduto nel nostro stare insieme.
La canzone è bellissima e invito chi non la conoscesse a leggersi il testo, che si trova sul sito massimobubolapuntocom, dove trovate anche molte tracce audio, anche di questa.

Per il resto non è un gran periodo; gente che sta male, mi giro e non vedo altro che gente che sta male, fisicamente o psicologicamente, gente infelice o banalmente scontenta, matrimoni alla deriva, persone aspre, stupide, antipatiche, pesanti. Mi affaccio oltre i confini del mio mondo, della mia storia, del mio matrimonio, del mio lavoro e mi viene voglia di guardare oltre anche se dove non lo so.
E hai un bel da dirti guarda avanti, vai avanti, bicchiere mezzo pieno, anzi come dice I. per tre quarti pieno.
Ci sono giorni pesanti che non vedi l’ora che finiscano e invece alle dieci di sera ti arriva il messaggio di F. la tua migliore amica, ancora una volta presa a ceffoni dalla vita, ancora una volta sola nella presenza di una madre arida ed egoista, di un padre lontano, di un marito fanciullone/piagnone. Vai a dormire col cuore pesante e ti svegli pensando che le cose fondamentali in un matrimonio sono stima e fiducia e col cazzo che nel tuo ci sono, e sai bene perchè non ci sono più, e sai anche che quell’anima che vive oltre quel nastro d’asfalto, in quella casa che ti sei soffermata a guardare in solitudine qualche settimana fa, quell’anima non c’entra col tuo matrimonio esaurito, asfittico e rabbioso. Vai in cucina e trovi un tizio che con un solo sguardo ti getta addosso tutte le colpe del mondo e si apposta sul suo piedistallo da vittima delle circostanze dimenticando tutto quanto gli comoda dimenticare, ricordando solo ciò che gli comoda ricordare. E inizia dirti quello che c’è da fare, e dove dovresti trovareiltempodiandare. E tu ti annoti mentalmente ogni cosa, ti prepari, sorridi un poco ai tuoi figli ed esci e inizia un giorno che sa di limone acerbo. Non cerchi nulla, non vuoi nulla, solo che qualcuno ti preservi dall’amarezza, che tante volte basta poco, pochissimo. Solo che F. tenga duro ancora una volta e magari domani sera si riuscirà ad andare a mangiare un boccone insieme. Solo che I. sia sereno che tanto arriverà il momento in cui potrai appoggiare la fronte nell’incavo del suo collo e respirare piano. Solo che arrivi stasera e poter andare da Manuela a lavarti i capelli, lei brava e velocissima e sempre di buonumore. Poi la spesa e hai già pensato al menù per il fine settiumana che tanto comunque Quello avrà sempre e comunque qualcosa da ridire.

Solo che…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Passato remoto. Contrassegna il permalink.

5 risposte a

  1. MariaLuisaM ha detto:

    “puoi uccidermi con quel silenzio che non abbiamo condiviso ” soprattutto …

    Conosci la musica, la voce, la poesia di queste parole? :

    “In nessun luogo andai
    per niente ti pensai
    e nulla ti mandai
    per mio ricordo”

    […]

    “La vista l’angolai
    di modo che tu mai
    entrassi col viavai
    di quando sei
    dolcezza e liturgia”

    Maria Luisa

  2. abreast ha detto:

    le cose fondamentali sono stima e fiducia, e col cazzo che ci sono“… come ti capisco!

  3. PC1969 ha detto:

    Pavel c’e’.

  4. stann ha detto:

    “ti spensierai”… Maria Luisa, bella citazione 🙂

  5. Dovesei ha detto:

    Maria Luisa – mi suona Battisti ma non ricordo quale. Splendida, comunque.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...