Quante volte ci sentiamo strane solo perchè non riusciamo a connetterci con quelli che amiamo e che ci guardano come se fossimo “strane”?

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

10 risposte a

  1. Massenzio ha detto:

    Si chiamano “profezie autoavverantisi”: per noi reduci cambogiani ormai fanno parte del DNA
    [adesso arriva un M.D. che mi massacra, lo so…]

  2. blue ha detto:

    per me è uno stato abituale
    ho imparato a conviverci
    ma il disagio è sempre più acuto e doloroso
    e lo straniamento è diventato intollerabilmente ineluttabile


    ti abbraccio

  3. Riccardo ha detto:

    E perchè dovrei, oh Massi, hai descritto esattamente la sensazione.
    Casomai devo ancora capire quando non siamo strani, in pratica autoprofeti a ciclo continuato.

  4. misti ha detto:

    A volte non è male essere strane 😉

  5. masticone ha detto:

    molto profonda..
    e malinconica…
    quindi speciale…

  6. Dovesei ha detto:

    Grazie Masticone.
    Qual’è l’etimologia del suo nick?

  7. Roberta ha detto:

    Uno dei pochi lussi che mi posso ancora permettere è di avere un blog e non scriverci, anche perchè non avrei niente di bello o interessante da scrivere. Sempre bello invece qui da te Simo. io non riesco mai a connettermi, con nessuno.😦

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...