Vento.

Che spettina capelli e pensieri, ma in fondo il vento a me piace.
Pasqua all’insegna del cibo, ieri gita intelligente, per davvero, ma ne parlerò un’altra volta.
Al tramonto me ne stavo a contare nuvole in cima a un colle ricoperto di vigneti, stupendomi dell’aver bevuto un bicchiere di vino squisito e del sentirmi totalmente lucida e in pace con me stessa, io che con due sorsi di birra mi abbiocco. Era favoloso quel vino… peccato non averne comprato una cassa ma lì per lì non ho saputo valutarne l’effetto positivo.

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Vento.

  1. Riccardo ha detto:

    Pensa ho portato il cane in spiaggia tutto il pomeriggio, Birillo felice come una “pasqua” ha corso e giocato per ore, infine si è accasciato sulla sabbia, ho dovuto portalo in braccio fino alla macchina, ma quello sguardo con il muso appoggiato alla spalla (25kg non è poi leggero) e le slinguate di gratitudine mi hanno gratificato come il tuo vino.

    • Dovesei ha detto:

      Lo credo, Riccardo. In certi momenti della giornata, anche della vita, forse, i nostri animaletti diventano la compagnia più desiderabile, la meglio.

  2. massenzio ha detto:

    Nulla di tutto ciò..barricato in casa a vedere film e digerire, la domenica, delle eccellenti lasagne al forno “fatte come una volta”; lunedi, invece, dei tortellini cui mancava solo il dono della parola. Dono recuperato, peraltro, grazie ad abbondante bevuta di lambrusco fatto in casa (parenti modenesi di una amica dei miei che me ne ha regalato un cartone: ed è tutta un’altra cosa rispetto a quello “compero”).

    Il vento, dici? E’ una delle mie passioni, forse l’unica che posso ancora permettermi senza chiedere permesso………

    • Dovesei ha detto:

      Invidia, invidia, invidia e ancora invidia per quei tortellini, Massi. Sono secoli che non ne mangio “comedicoio”.
      Mi devo concentrare sulle cose di cui si può godere senza chiedere permesso e pure gratis.
      Dammi una mano a fare una lista, su!

  3. Il Banale ha detto:

    Vino ? Vino? Chi cazzo ha detto vino?
    Anche abbinato alla parola “cassa”. Sublime.

  4. masticone ha detto:

    sei sempre una grande…

  5. Roberta ha detto:

    Grande Simo! Mi sa che la soluzione sia giusta:darsi all’alcol,poco ma buono.Peccato che io in casa ho solo San Crispino e un amaretto di saronno che è un pezzo da museo.😀

  6. paoladazero ha detto:

    toglietemi tutto ma non il vino, la vita non avrebbe più lo stesso sapore senza un buon bicchiere al momento giusto!

  7. Dovesei ha detto:

    Paola concordo! solo che i miei momenti giusti devono essere collocati nelle vicinanze di una poltrona, un letto, un prato… perchè l’alcol mi fa da sonnifero, anche quello buono.

  8. blue ha detto:

    bellissimo contare le nuvole, trovare forme buffe e fantasticare…che meraviglia questo post…profuma di buono🙂

    ti abbraccio

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...