7 settembre 1909

… Nora amore mio, voglio che tu rilegga tutto quello che ti ho vergato. Certe cose sono sgraziate, oscene e bestiali, altre pure e sacre e spirituali: ma sono tutte cose mie. Ora penso che tu sappia ciò che provo per te. Non litigheremo più, vero amore? Terrai sempre acceso il mio amore. Stasera sono spossato, mia cara, e vorrei dormire tra le tue braccia, senza farti niente, solo dormire dormire dormire abbracciato a te.

Spero che tu prenda della cioccolata ogni giorno e che il tuo piccolo corpo, o meglio certe parti del tuo corpo, siano più rotonde. Mi viene da ridere, ora, a pensare ai seni meschini che hai. Sei una persona divertente, Nora! Ricordati che hai già ventiquattro anni e che il tuo primogenito ne ha quattro. Accidenti Nora, devi smettere di essere una ragazzina impertinente e diventare la donna piena d’amore che sei.

E tuttavia, che tenerezza mi prende a pensare alle tue gracili spalle, alle tue fattezze da bambina. Che piccola canaglietta sei! E per sembrare ancora ragazzina che ti sei tagliata i peli tra le gambe? Vorrei che tu portassi sottovesti nere. Vorrei che tu imparassi a sedurmi, a provocare il mio desiderio. Ma sento che ci proverai, amore, e così saremo felici…

Mi ami vero? Ora mi terrai sul tuo seno e mi proteggerai e forse avrai pietà di me e dei miei peccati e delle mie pazzie e avrai cura di me.”

Jim. ( J.Joyce )

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a 7 settembre 1909

  1. Pollyanna ha detto:

    Hai un blog bellissimo, molto molto paricolare. Ho letto veramente quasi tutto e vorrei chiederti come hai fatto a passare gli ostacoli di una separazione e una storia come quella con l’uomo con cui sei stata per tanti anni e poi ti ha lasciata, e poi tutto il resto.Io faccio fatica a tenere in piedi una vita normale!

  2. Riccardo ha detto:

    Simo la vera passione di Joyce era questa…
    E pensare che mia figlia grande è nata il giorno del Bloomsday.

    Riccardo.

    “My sweet little whorish Nora
    I did as you told me, you dirty little girl, and pulled myself off twice when I read your letter. I am delighted to see that you do like being fucked arseways. Yes, now I can remember that night when I fucked you for so long backwards. It was the dirtiest fucking I ever gave you, darling. My prick was stuck in you for hours, fucking in and out under your upturned rump. I felt your fat sweaty buttocks under my belly and saw your flushed face and mad eyes. At every fuck I gave you your shameless tongue came bursting out through your lips and if a gave you a bigger stronger fuck than usual, fat dirty farts came spluttering out of your backside. You had an arse full of farts that night…”

  3. Dovesei ha detto:

    DOLORE!
    Però ha una sua bellezza ancestrale, la lettera. Peccato mi cada nelle ultime due righe. Povera Nora…

  4. Riccardo ha detto:

    E’ cuttata volutamente, ma il resto è peggio, comunque meglio averla messa in lingua originale, chè in italiano era da bollino rosso.
    Questa lettera è di solo 3 mesi posteriore alla prima che hai postato, evidentemente la Nora ha imparato ed è stata accondiscendente.

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...