Di cosa?

Di cosa avrei realmente bisogno?
Lascio perdere i bisogni materiali, quelli sono parecchi ma l’assenza del poterli soddisfare è più che gestibile, e di questi tempi come non mai si fa di necessità virtù.
In realtà la cosa di cui avrei più bisogno è un po’ di vuoto intorno. Avrei bisogno di vivere almeno due, tre giorni senza che mi si chiedesse in continuazione qualcosa.
Avrei bisogno che qualcuno si prendesse cura di me, anzichè essere io a prendermi cura degli altri. Non che non ci sia nessuno a farlo, ma lo fanno in maniera troppo parziale e frammentata, ognuno per i propri problemi e con un grande bisogno, pure loro, le persone che amo, che io mi prenda carico dei loro, di bisogni.
Di tanto in tanto pratico del sano egoismo ma sempre a dosi omeopatiche. Forse, un forse grande come una casa, il prossimo fine settimana riuscirò a starmene al mare quattro giorni. Meglio di niente.
Credo che in quei quattro giorni dormirò, mangerò, prenderò il sole e mi farò il bagno. Chiacchiererò, dato che con me ci sarà Flo, ma è talmente stanca pure lei che forse non chiacchiereremo nemmeno ai nostri livelli più eccelsi.
Di sicuro andremo alla riserva naturale di Punta Sabbioni, dove la spiaggia è rimasta com’era cento, duecento anni fa, con le dune e la vera vegetazione costiera. Di certo andremo a cena in quello che è il mio posto del cuore. Di certo penserò che al di là delle difficoltà degli ultimi anni è consolante avere dei bellissimi ricordi, è bello poter dire a una persona che sa, che mi conosce, che capisce, “Ecco, vedi… questo è quel posto.” E già lo so che lei si commuoverà.
Ma oggi, stasera, voglio solo una doccia, un vestito fatto di niente, un’insalata e il mio divano.

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Di cosa?

  1. ilmiosguardo ha detto:

    “Avrei bisogno che qualcuno si prendesse cura di me, anzichè essere io a prendermi cura degli altri. Non che non ci sia nessuno a farlo, ma lo fanno in maniera troppo parziale e frammentata, ognuno per i propri problemi e con un grande bisogno, pure loro, le persone che amo, che io mi prenda carico dei loro, di bisogni.”

    Ecco, Dovesei, ti comprendo perchè ho lo stesso tuo bisogno!
    Ma forse è meglio se siamo noi le prime a prenderci cura di noi stesse, anche solo con 4 giorni al mare.
    Da noi si dice “putòss che gnente, l’è mejo putòss” (piuttosto che niente è meglio piuttosto)
    Buona domenica e buon mare, se ci riesci!🙂

  2. linda ha detto:

    Che qualcuno si prenda cura di noi, senza se e senza ma, sarebbe meraviglioso! Ma nel caso non sia possibile, è bene che ciascuna di noi si prenda cura di sé, come può e quando può. Allora vai, questi 4 giorni saranno come una carezza!!!🙂

  3. paoladazero ha detto:

    desiderio comune mi sa

  4. Conte Max ha detto:

    Mi trovo in una situazione per molti versi simile alla tua. Ma dal mio punto di vista, quella che per te è speranza per me è illusione.
    Poi capisci perchè avevo i lucciconi quando al concerto per l’Emilia “quello” raccontava del giorno di dolore….

    • Dovesei ha detto:

      Quando è salito sul palco, ha parlato e poi cantato, ti ho pensato e mi son detta “Beh, se questa non gli piace lo strozzo!” Mi sono commossa, tanto. E’ stato empatico e grezzo al tempo stesso, come solo Lui, e quella canzone è molto più che una canzone.

  5. Dovesei ha detto:

    Prenderci cura di noi stessi SAREBBE un dovere imprescindibile, ma col tempo, con le responsabilità che aumentano, diventa purtroppo un optional, un dipiù che se avanza tempo si fa, altrimenti… Conosco una stronzissima donna che sa e può ritagliarsi tutti i momenti che vuole. Se qualcuno le fa notare di essere stanco, in difficoltà, bisognoso di una pausa ma incapace di prendersela, esclama “Evidentemente ti no a te serve!” Bisogna essere fatti in un certo modo, per andare oltre al sano egoismo di sopravvivenza.
    Intanto domani DOVREI, dovrei riuscire a partire. Ho un problema piuttosto grosso con mia mamma ma ho cercato di sistemare tutto al meglio. Spero che tutto, a casa, resti tranquillo. Dopo saranno giorni di fuoco, ma mi sto preparando.

  6. sabby ha detto:

    Ti capisco bene,
    vorrei silenzio intorno a me adesso.

  7. Linda ha detto:

    …stessa cosa faccio io giovedi’ al rientro da lavoro…e pur essendo contro la mia natura far sì che gli altri si prendano cura me….questa volta voglio violentarmi e donarmi totalmente alle coccole di UN FOLLE UOMO che mi fara’ dormire sotto le stelle!! 😉

  8. ilmiosguardo ha detto:

    Allora, raccontaci come è andata la tua… fuga, Dovesei!🙂

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...