Regolamentare bilancio di fine anno (marron)

IMG484II Qualche tempo fa, settimane, mica anni, misi qua una foto del mio sorriso versione estate 2012, chiedendomi se e quando sarei mai tornata a sorridere. Ora, a fine anno e coi bilanci di vario genere che non quadrano mai, metto qua i miei occhi, come sono in queste settimane, sperando che la prossima volta che me li vedrò così sarà perché mi sono scolata una birra grande, che io non la reggo la birra.
Il duemiladodici è stato un anno di merda, eccezione fatta per alcune manciate di giorni, poche manciate di giorni, trascorsi felicemente, davvero felicemente, con un contrasto talmente stridente col resto dell’anno che può essere paragonato a una doccia scozzese, o all’alternanza di tre cucchiai di nutella a una sorsata di aceto bianco, quello buono per le pulizie.
Ho ancora un lavoro, ma la quantità di progetti si è molto ridotta, e io faccio parte del popolo delle partite IVA, ergo: non lavoro-non mangio.
Ho perso mia mamma, è stato un mese il giorno di santo Stefano; a volte casco in dinamiche di pensiero assurde tipo “aspetta che le faccio un colpo di telefono”, oppure “Guarda che bel maglioncino, quasi quasi glie lo prendo!”, per poi immediatamente ricadere nella realtà: non le posso telefonare e non le servono maglioncini.
Molte persone che mi sono care non stanno bene. Non cose importanti per fortuna, ma piccoli malanni fastidiosi, quantitativi preoccupanti di stress e stanchezze varie, malinconie e tristezze. La mia casa assomiglia a un bric-à-brac, perché ho dovuto portare cose dalla casa dei miei, che mi erano care e devo sistemare ma non ne ho il tempo, e quando ne avrei il tempo non ne ho voglia. Altre due persone care se ne sono andate, loro sì presto. Troppo presto, cazzarola.

Cose positive. Allora… dunque… bèh… pare che i nervi reggano. Pare che la salute regga ( ma questo secondo me si vedrà sulla media distanza, ) i ragazzi stanno bene, sono sereni, vanno avanti per la loro strada e io li guardo andare, tanto lo sanno che io ci sarò ogni volta che avranno bisogno di me.
L’amour… ah l’amour! C’è. Mi è stato accanto in modo commovente ma adesso è crollato. Lo vedo stanco, triste, vittima dei suoi prevedibili acciacchi e di malumori e malinconie che tenta invano di mascherare ma io lo conosco come le mie tasche, e fa male vederlo così. Si scuoterà, deve farlo da solo però, che ho smesso da anni il ruolo di mentore. Anche lui però sa che ci sono, al suo fianco, pur senza grandi proclami.
I miei amici, che guai se non ci fossero. In quest’anno marrone abbiamo mescolato e distillato risate e lacrime e senza di loro sarei persa.
Il mio gruppo di studenti: bravi, preparati, svegli, il riscatto e la prova vivente che non esistono solo i “choosy” ( che pure ci sono he…Magari la signora l’ha messa giù da stronza ma esistono, e in numero considerevole.)
Last but not least la mia gatta, la mia Miky, sempre più simile a me, o io a lei, chi può dirlo? Selvatica e tenerissima, riservata e affettuosissima ( quando le pare, ) sempre accanto a me, o sempre reperibile negli angolini più tiepidi e comodi d’inverno e freschi e ombrosi d’estate. La Miky che dorme con me, mangia quando mangio io, sugli orari delle rispettive cassettine ci stiamo accordando.

Bene, direi che posso tirare un rigo e decretare bilancio in rosso, nonostante le ultime sedici righe.

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Regolamentare bilancio di fine anno (marron)

  1. ilmiosguardo ha detto:

    Io che non amo far bilanci, sono senza parole a leggere il tuo, Dovesei cara 😦
    Mi spiace tantissimo, non mi resta che abbracciarti forte ed esprimerti tutta la mia vicinanza e solidarietà.
    Ciao
    Ondina

  2. Linda ha detto:

    Sei una donna dinamica e indipendente, intelligente e profonda: sono sicura che lo conquisterai questo nuovo anno che viene e che i tuoi (bellissimi) occhi torneranno a sorridere.
    Ciao, cara Simo, buon anno e “daje che je la famo!” nonostante tutto.🙂

    • Dovesei ha detto:

      Sai Linda che mio figlio a quest’ora sta scarpinando per Roma?😀
      Gli ho messo giù un itinerario ragionato, in modo che veda er mejo della tua splendida città, in soli tre giorni. Gli ho anche detto di portarmi un pacchetto di caffè di Castroni. Se si ricorda mi faccio suora. Io guardo avanti, sempre. Credo sia il mio pregio maggiore. Certo, dopo un anno del genere è dura vedere il bicchiere mezzo pieno, ma ci provo, come no. Bacioni!

      • linda ha detto:

        Ieri Roma era un vero delirio. Gente da tutte le parti, a tutte le ore; locali pieni e piazze gremite: chissà se tuo figlio avrà potuto vedere qualcosa decentemente. Se è venuto dalle parti di Castroni (zona Prati) sarà stato inghiottito da un fiume umano…😦

        Vabbè, per il resto guardiamo avanti, sempre e comunque. Buon anno, cara amica. Di cuore.

  3. biobioncino ha detto:

    auguri ..e buon anno.. e su con il morale..ciao🙂

  4. alenic59 ha detto:

    Ecco .. dalle ultime 16 righe posso togliere l’amore e 2 gatti su 2 con problemi di salute . Speriamo che il mio bilancio 2013 sia marron !!
    Baci a te

  5. Signorasinasce ha detto:

    Tu per me resti una gran signora con le palle. Ed i tuoi occhi son bellissimi, nonostante il dolore degli ultimi mesi….
    Buon Anno Simo

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...