Sensazioni

Ascolto il violino di Max Richter mentre faccio le pulizie, le mani che sanno di candeggina, i pensieri altrove. Penso che vorrei essere tra le barene fiorite, che chi non le ha mai viste non sa che spettacolo si perde. Le barene fioriscono a fine estate e si colorano di viola, giallo, rosa, verde. In pochi centimetri di spessore di fango e terriccio c’è una vita straordinaria, e ci si passa col vaporetto e ci si incanta a guardarle, queste lingue di terra che un giorno diventeranno isole.
Penso alla mia città, e che manco da troppo tempo.
Penso a chi mi ha delusa, e tradita di nuovo anche se non è un tradimento classico, le sempre di moda care vecchie corna: si può tradire e disattendere in mille modi.
Penso a quanto ho vissuto, e non in termini anagrafici ma penso alla massa incredibile di cose viste, amate, godute, perdute, ritrovate e riperdute. Ai posti che ho amato e mi porto nel cuore, alle persone che ho amato, apprezzato, e alcune non ci sono più.
Penso che ci sia sempre tempo, e che le persone che per me contano veramente, e io per loro, si riducono a un paio550846_3495931198384_279889327_nIMG179 ma va bene così.
Penso che mi sento bene perché ho i capelli puliti e lo smalto Rouge Noir di Chanel che fa abbastanza ridere sulle mani di una che pulisce con la candeggina, ma questa sono io, io sono così: pulizie di fino e musica classica, tuta da pugile e smalto di Chanel, anni che avanzano e non mollare mai, solo rallentare, giusto per tirare un po’ le somme, per capire, per avere sempre ben presente la mia realtà.

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Sensazioni

  1. blue ha detto:

    e tu sei bella così…non cambiare mai…

    • Dovesei ha detto:

      Ci conterei. Ho i miei loop, che una volta accadevano 1 volta all’anno, ora di più, ma io vado avanti sempre, mi rialzo sempre.
      Grazie Blue, un abbraccio.

  2. metalupo ha detto:

    Il dolore appoggiato, appena appena accennato, sembra quasi tu non voglia disturbare.
    E ricominci dalle piccole cose, che per una donna sono punti fermi, smalto, capelli puliti, persino le pulizie di casa.
    A quest’ora ti offro un caffè.

    • Dovesei ha detto:

      E’ che benché possa sembrare strano per una che tiene un blog da 11 anni, sono un tipo defilato, amo l’understatement nel raccontare, nel raccontarmi.
      Caffè preso, anche a quest’ora, luperrimo.🙂

  3. linda ha detto:

    Sei bella così, Simo.
    Un abbraccio.

  4. katherine ha detto:

    Con il passare degli anni si comincia a fare i conti con il proprio passato: con la nostalgia, il rimpianto, gli errori, quello che poteva essere e non è stato, e si comincia anche ad avere un po’ di preoccupazione per il futuro. Ma la vita ci ha insegnato tanto e dato quella forza necessaria ad andare avanti, apprezzando il buono che abbiamo e tenendoci nel cuore quello che abbiamo avuto.
    Buona vita!

  5. alenic59 ha detto:

    Si

  6. Urania ha detto:

    Hai tutta la mia stima e simpatia. Le donne vere sono come te..

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...