Varie ed eventuali

Ci deve sempre essere un articolo con questo titolo, un titolo che va bene per tutto un po’, o forse per quando in fondo si ha poco da dire.
Dunque, avvenimenti di spicco da dieci giorni a questa parte:
sono andata a votare alle primarie. Ci ho accompagnato mia figlia, tutta entusiasta per questa cosa. Ho osservato la varia umanità e notato che purtroppo i giovani erano veramente pochi, la gente sentitamente incazzata barra disillusa, un sacco di persone non avevano mai votato a sinistra prima (e dubito che lo faranno alle elezioni), a tutti rompeva tirare fuori i 2 eurozzi. Poi c’è stato un vecchietto che mi ha commosso. Non riusciva a leggere le scritte piccolissime sul foglio per la firma; glie le ho lette io, dopodiché mi fa “Mi g’avaria a tessera del PC, par non pagar… s’eo lo steso?”
“Non credo, però chieda quando le danno la scheda per votare.” Tenerezza infinita.

Ho fatto una lista ragionata dei regali di Natale. Conclusione ne farò 3 in tutto, di cui 2 ai miei figli e uno alla mia amica storica, l’Amica che mi sostiene e mi ascolta e mi cazzia da una vita e che non vorrebbe nulla, ma io ho già individuato una cosa che non posso non comprarle. Con l’altro, unico vero amico storico, quello col quale ci conosciamo da quando avevamo 14 anni, abbiamo concordato zero regali. Ci faremo una mega cena a base di gnocco fritto quando tornerò a Bologna.
il resto dell’umanità farà a meno dei miei regali, e pazienza se passerò per pezzente, in fondo mi avvicino al ruolo.

Sopporto sempre meno la gente, che come sempre accade in questo periodo dell’anno è iperagitata, iperattiva, ipernervosa, iperurlante, iperspintonante. Probabile che sia io ad essere iperesaurita.

Non mi manca I.
Sono qui che aspetto al varco il momento in cui la ferocia dell’assenza mi balzerà addosso, forse per Natale, forse prima, per il mio compleanno al quale mancano pochissimi giorni, forse per Capodanno. Per ora tutto tace, dentro di me: non mi mana la sua voce, non mi manca la sua pelle, non mi mancano gli occhi. Mi manca, questo sì, il tepore di un abbraccio ma non del suo. Io che non credevo che un amore potesse finire così, di colpo, mi sto ricredendo. Forse perché l’uomo che ho amato non c’è più: è scomparso in giorni da me ormai ben individuati, un paio di mesi fa. Accanto a me c’era un attore che recitava anche decentemente la sua parte, ma non era l’uomo che ho amato. Era un piacevole, educato personaggio senza palle, senza desideri, senza spinta vitale, che ora rosica a 200 chilometri di distanza convinto che IO abbia mollato lui per un altro uomo; i soliti transfert. LUI non sa stare solo, e LUI non mi avrebbe mai lasciato se non quando fosse stato matematicamente sicuro che la new entry ci fosse stata. Diciamo che gli ho tolto le castagne dal fuoco, ecco.
Sono altre le mancanze che sento, a parte quella dell’abbraccio senza nome, senza volto. mi manca chi davvero non potrò abbracciare più. mi mancano persone alle quali avrei voluto e dovuto dire tante cose, anche piccole, ma non l’ho fatto, per fretta, per poca cura, perché si pensa sempre che ce ne sia tanto, di tempo, e ce n’è ma è sempre meno di quello che crediamo.

Vorrei un abito rosso, ma il rosso mi sbatte perciò risparmio anche su quello.
Vorrei un paio di libri.
Vorrei più serenità di quella che coltivo faticosamente ogni giorno.
Vorrei andare al mare, il mare qua vicino, quello dove sto sempre bene e mi rassereno e respiro, e questo lo farò, subito dopo Natale.

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Varie ed eventuali

  1. Signorasinasce ha detto:

    Io per ora ti abbraccio virtualmente, poi se vuoi un libro te lo regalo io. Ti spedisco il mio.
    Come regalo di Natale potrebbe andare? Forse l’ambientazione a Montisola non ti sarà così gradita, considerato I., ma quando l’ho scritto ho pensato alla magia dell’isola ed agli amori finiti da salutare definitivamente (ed è una mera casualità). Se gradisci mandami via mail il tuo indirizzo che ti impacchetto un regalo per il tuo Albero.
    Auguri Simo.

    • Dovesei ha detto:

      Il tuo Bocca di Lupa e’ già qui, proprio accanto a me, Stefania. Non l’ho ancora iniziato, lo voglio leggere con calma durante le vacanze di natale. Montisola resta nel mio cuore, lo sai. Ci sono posti e momenti che bisogna salvaguardare dai fallimenti, dalle delusioni, anche perché ci fanno ricordare che c”e’ stato anche altro. Ti abbraccio e grazie del tuo pensiero, bello e delicato come sei tu.

      • Signorasinasce ha detto:

        Accidenti alla mia vita frenetica, te lo volevo regalare io. Ho chiuso sabato scorso le prime presentazioni e son tornata su wordpress solo stasera. Allora… facciamo che quando lo leggi oltre a ritrovare Montisola, un pò sentirai anche il mio calore.🙂 mi hai spiazzata.
        Ciao Simo, buonanotte

  2. Marì ha detto:

    ma quando l’ho scritto ho pensato alla magia dell’isola ed agli amori finiti da salutare definitivamente

  3. lucasette ha detto:

    Quello che mi è piaciuto: la quotidianeità vera che descrivi.
    Quello che temo di non gradire: la dinamica mi lasci prima tu o io?
    Le new entry arrivano sempre quando il rapporto è finito, vale per ambedue i sessi.
    Non so quanti saranno gli italiani che quest’anno potranno permettersi più di un paio di regali.
    Per il resto ( è quasi uguale a varie e eventuali) delle primarie del PD mi importa poco come di tutte le cose un po’ fiittizie e il mar Ionio è qui, lo vedo dal balcone di casa. Il grande vulcano sorveglia tutto dall’alto. Auguri.

    • Dovesei ha detto:

      La mia, la nostra, dovrei dire, è stata una storia molto lunga dove la teoria delle new entry è stata smentita, fino ad ora. E’ stato un tempo lunghissimo, quello che abbiamo condiviso, e non valutabile attraverso il modo in cui è finito. Non sono tipo da dinamiche per lasciare una persona. Credo soltanto che se anticipi il momento corri il rischio di aver frainteso, o di agire sotto la spinta di nervosismi che nulla hanno a che fare col rapporto. Se lo ritardi, rischi di vivere con e come una marionetta. Non è mai facile né semplice. Mi rendo anche conto che leggendo ciò che scrivo si possa non condividere, ma è normale che sia così.
      Benvenuto.

  4. metalupo ha detto:

    Ho bisogno di riposo e serenità, mi sa che siamo in due.
    Naturalmente anche di quegli abbracci sinceri e di quei sorrisi guardando negli occhi esclusivo appannaggio di voi donne.
    “Non si può avere tutto dalla vita” sta diventando un mantra terminale, me lo farò tatuare.

  5. Dovesei ha detto:

    Ma no che non sono appannaggio femminile quegli sguardobbracci! E ti assicuro che se sono rimasta tanto tempo con I. è perché da parte sua c’erano sempre, era guardarlo e lasciare che mi guardasse e sentirmi a casa, ovunque fossimo, anche all’autogrill di Roncadelle!
    Ah Luperrimo … Niente, và.

  6. Diemme ha detto:

    Anche a me è capitato di smettere di amare all’improvviso. C’era una donna che aveva insidiato il nostro rapporto, o meglio no, lei non era da rapporto ma, a certi occhi “maschi”, una botta e via da non perdere.

    Abbiamo sofferto per ricostruire il rapporto dopo il pericolo scampato, ma quando lei si è ripresentata lui non ha voluto allontanarla con fermezza, come io gli avevo chiesto (e neanche avrei dovuto chiedere!), né volle lo facessi io. Finimmo proprio a incontro di lotta libera, alla fine del quale non c’era più in me la minima traccia di sentimento, mai più. E’ stata la prima e unica volta in vita mia che ho smesso d’amare così, all’improvviso.

    • Dovesei ha detto:

      Restando leggere, ma allora il parallelo tra uomini e cachi non l’ho provato solo io!
      Più seriamente, brava se ne sei uscita integra, anche tu.
      Un abbraccio.

  7. mlmstudio ha detto:

    “Da oggi in poi”:

    Ciao, Maria Luisa

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...