Quiet

Che poi come sempre mi succede, lontana da casa valuto meglio tutto.

Questa estate poco, quasi niente mare “di casa”. Abbiamo deciso per un lago della Carinzia. Qui gli ultimi faticosi mesi tra trasloco, lavoro, partenza di mia figlia per un praticantato a Lisbona, esami che cambiavano data ogni giorno, scatoloni da aprire che parevano non finire mai (e qualcuno è ancora là, col suo contenuto evidentemente non di grande necessità,) qui tutto è lontano e autoridimensionato.

Anche il nostro paese, benché sia non lontanissimo. Le notizie arrivano dal tablet, sempre che mi vada di buttare l’occhio oltre alle mail e a Twitter o Whatsapp. Qui tutto è ordinato, pulito, funzionante, accogliente. Da qui, anche se mi ripugna dirlo, l’Italia mi arriva come una sorta di souk male assortito, governato da peracottari e abitato da un mix di radical chic, cattocomunisti, celoduristi e menefreghisti. Brutta sensazione che a quanto pare è solo mia, perché gli austriaci sono amichevolissimi verso noi italiani, ed educati al punto di non fare domande. A volte dico al Bip che è a causa del mio cognome, inequivocabilmente viennese, e del fatto che parlo tedesco ma in realtà vedo la stessa amichevole apertura verso tutti gli italiani, tanti, che circolano qui.

E allora non mi pongo più il problema di cosa sia diventato il mio paese, ponendomi inevitabilmente nella rastrelliera dei menefreghisti, almeno per qualche giorno ancora.

Viva l’Austria, il Kaiserachmarrn, la Sacher, la birra, la vita. Baci a tutti, con un sorriso.   
 

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Quiet

  1. silvia ha detto:

    l’austria è bellissima, e il rapporto qualità prezzo dei lughi turistici di gran lunga migliore rispetto all’italia!

  2. metalupo ha detto:

    Buone vacanze!!
    E non ti preoccupare dei cialtroni che governano qui, li ritroverai tutti al tuo ritorno.

  3. Volevolaprinz ha detto:

    Posso venire anche io? Però poi non torno più…

  4. Dave Brick Pinza ha detto:

    Ho scoperto bellissimi laghi anche intorno a Roma. Gli italiani non sono male, è che non sanno più lottare per i propri diritti.

    • Dovesei ha detto:

      Lago di Nemi, stupendo.
      Gli italiani non è che abbiano perso la voglia di lottare, è che la nostra generazione è quella della serie “Intanto vai avanti tu per primo, poi se mai…” Ma continuo ad amare questo nostro bistrattato e calpestato paese.
      Che ce fai a Roma?

  5. enio ha detto:

    ba a non credersi, fatto il Ponte Delle Alpi si va in un altro mondo dove la vita sembra scorrere con più ordine e più pacatezza ma scorre…

  6. thanks ha detto:

    Io, quest’anno, qualche settimana in Giappone.
    Laggiù tutto ordinato,organizzato, preciso. Treni puntuali, Città pulitissime (anche le metropoli). Templi e santuari suggestivi. Giardini splendidi. Buona cucina,varia, sana. Persone sempre gentilissime.
    Ma ma ma…sono stata contenta di tornare. Chissà perché…
    Thanks

  7. linda ha detto:

    baci e abbracci a te, carissima. E un pizzico di invidia (ma buona, dai…)

  8. Fedifrago ® ha detto:

    Brennsee? …..ce ne saranno almeno una quarantina, di laghi in Carinzia

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...