Come si cambia ( regolamentare bilancio di fine anno. )

Non è cambiato il fatto che io insista ancora nello scriverlo, ‘sto cazzo di bilancio.
Non è cambiato il mio peso, e questo è positivo per una ragazza.
Non sono cambiati gli amici, anzi se ne sono aggiunti anche se quelli con la A maiuscola restano sempre quelli, sempre due.
Non è cambiato l’amore, che c’è sempre, che è quello che deve essere l’amore alla nostra età: tenerezza, presenza, sostegno, comprensione, ironia, allegria e sesso, certo, anche quello, che credevate?
Non è cambiato che io continui a fare la Mamma ai miei due figli oramai adulti, ma che posso fare se mi hanno eletto a fulcro della vita familiare? Sono liberissimi di volare ma poi tornano sempre, con richieste d’aiuto, di consiglio, con maglioni e reggiseni e lenzuola da lavare.
E’ cambiato che altri compagni di viaggio se ne sono andati e troppo presto. Aveva ragione Ungaretti, “ma nel mio cuore nessuna croce manca.”
E’ cambiato l’atteggiamento verso la vita in generale. E’ dire “sì” al futuro, alla vita stessa ma senza lo slancio di baciarla sulla bocca perché non riesco a dimenticare quante volte oramai mi ha tradito, e io non bacio sulla bocca chi mi ha tradito.
E’ cambiato il mio rapportarmi agli altri, un po’ meno aperto, un po’ più guardingo.
E’ cambiata la mia percezione di ciò che mi circonda, ora vedo l’ambiente, la gente, sento l’aria più pesanti e trovo pace e serenità in pochi luoghi dove scappo appena posso.
Potrebbe sembrare un bilancio in rosso ma in realtà non lo è, perché sono tante le persone e le cose per le quali essere contenta anche di questo screnchio 2015.

Quindi.

Grazie alla mia nuova casa, accogliente, silenziosa, ordinata, che spalanca le braccia ad ogni mio ritorno.
Grazie a Bip, sei un vento buono che mi sospinge e mi solleva e il tuo sorriso è la miglior medicina ai giorni bui.
Grazie ai miei figli, per come sono e per quello che mi danno.
Grazie alla salute che nonostante tutto pare reggere ancora.
Grazie a Flo, preziosa come un diamante grezzo.
Grazie a Piero, non so come farei senza di te.
Grazie alla mia scorbutica e meravigliosa micia.
Grazie a chi mi prepara il cappuccino e non dimentica il cacao e il bicchierino d’acqua.
Grazie a chi sa ancora sorridere per cortesia, senza aspettarsi nulla altro che un altro sorriso.
Grazie al mio ex per avere finalmente capito che non è il caso di rifarsi vivo ad minchiam.
Grazie a Carmen, Laura, Fabrizio, Anna, Fede, Carla, Milena, Lellina, Maurizio, Corrado.
Grazie a Pinzy che un nome più lungo no.
Grazie a Luperrimo, anche per avermi dato della gnocca, che son cose che lasciano il segno. Lo trovate Qui
Grazie a Vagy, che trovate Qui
Grazie anche a tutti gli altri bloggers che seguo e mi seguono ma capite che data la mia scarsa velocità a creare link finirei di citarvi forse a Ferragosto.
Grazie alla mia mamma. Sai mamma che da poco riesco a guardare la tua foto senza sentirmi persa? Sei stata forse più figlia che mamma ma mi hai lasciato doni immensi quali il saper stare con la gente, ogni tipo di gente, e l’educazione, il buongusto, l’amore per le cose belle, sia quelle evidentemente belle che quelle piccole, di apparentemente poca importanza ma che alla fine rendono la vita davvero migliore. Mi manchi molto.

Un’ultima cosa prima di salutare il 2015, una domanda al 2016: non è che si potrebbero vedere delle slide di presentazione?

Buona fine e buon inizio a tutti.

Simo

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Come si cambia ( regolamentare bilancio di fine anno. )

  1. metalupo ha detto:

    Grazie a te Simo per come sei e pe

  2. metalupo ha detto:

    Acc…dicevo. Grazie per come mi fa sentire leggere le tue parole.
    Da sempre.

  3. Piero ha detto:

    Grazie a tutto il bello che la vita riesce a darci/ti. Se fosse poco, sarebbe comunque importante. Auguri vivissimi per un 2016 meraviglioso.🙂 Piero

  4. Bulut ha detto:

    Buon anno a te!🙂

  5. katherine ha detto:

    Eh sarebbe bello vedere un’anteprima del nuovo anno! Ma non si può, e magari è pure meglio. L’anno scorso è iniziato sapendo che una mia cara amica sarebbe morta presto di cancro e che mio figlio avrebbe subito un’operazione piuttosto delicata al polso. Non me la sentivo proprio di festeggiare, sapendo quel che sarebbe successo da lì a poco, pensando a come dovesse sentirsi la mia amica sapendo che aveva i giorni contati, pur avendo lottato per due anni come una leonessa per sconfiggere quel terribile cancro che la stava invadendo.
    Quest’anno non so cosa succederà e magari posso sperare in qualcosa di bello, chissà!
    Buon anno e buona vita!

  6. Dave Brick Pinza ha detto:

    Grazie amore mio!!! Mi dispiace tanto che da te sia solo riuscito a prendere in questo ultimo anno senza darti molto ma volevo ribadirti che mi sei stata di grande aiuto. Un bacione!!! Sei una donna fantastica!!!

  7. Bia ha detto:

    Farebbero ben comodo le slide di presentazione… se si potesse poi decidere di archiviare subito l’intero anno, subito verso il successivo? No? Non si può? Uffffffff…..

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...