Omicron? Celo!

Non che io pensassi di essere immune, ma una qualche flebile fierezza di riuscire a non prenderlo iniziavo ad averla: trivaccinata, sempre molto attenta a distanze, contatti, luoghi, pur facendo una vita normale, quantomeno la normalità gnecca e un pò triste che appartiene a tutti da due anni a questa parte.
Invece… invece domenica scorsa mi scoppia un super mega raffreddore come non mi accadeva da anni, e un filo di bruciore alla gola.
” Avrai preso freddo.” Sentenzia l’amica del cuore.
” Avrai preso freddo.” Sentenzia figlio maggiore che peraltro l’ha avuto subito dopo capodanno e col quale ero stata anche in contatto senza contagiarmi.
“Avrai preso freddo” sentenziano tutti i miei “contatti stretti”. Okay, avrò preso freddo, in fondo le malattie da raffreddamento esistono ancora, però decido di farmi un tampone casalingo, di quelli che mi ha portato mia figlia a settembre, quelli che vengono forniti gratuitamente dal National Health System inglese a tutte le famiglie, una scatola da sette tamponi a settimana. Non è la prima volta che ne faccio uno, ho sempre cercato, per la sicurezza mia e di chi mi sta intorno, di togliermi ogni dubbio e godermi le occasioni conviviali, non tante ma ne ho avute tra cene a tema, compleanno, Natale. Insomma mi faccio questo serissimo (gli inglesi non scherzano su questo), tampone gola-naso e con un filo di stupore e anche di schifo vedo la striscia schizzare verso l’alto e comparire la famosa double bar C T. Positiva.
Nessun panico, sia chiaro, ma molto stupore: sono stata sempre molto attenta anche a tenere sempre le mani igienizzate, mascherina sempre, anche all’aperto. I miei “contatti stretti” stanno tutti bene, ma io l’ho preso, ‘sto maledetto virus, e da brava crucca inizio a fare ciò che si deve fare, cioè contattare il mio medico curante per l’impegnativa per il tampone.
La faccio breve: ci ho messo tre giorni ad avere l’impegnativa per il tampone rapido, che oramai fanno soltanto quelli. Ovviamente conferma che sono positiva. Sono un tipo pratico e che non si scoraggia facilmente: mi sono precipitata a fare la spesa per me e per la mia gatta, poi una confezione di ibuprofene, che a quanto pare chi fabbrica la Tachipirina è già sufficientemente ricco e non è più consigliata, mi sono chiusa in casa, divanoterapia, the, tisane, brodo, stracchino, verdure e intanto aspettavo la telefonata della uls per certificare definitivamente la mia positività, o almeno la mail nella quale mi venisse richiesto se ho sintomi e quali: niente, zero. Alla fine riesco a comunicare con la mia medichessa che mi manda a dire che il sistema è totalmente imploso e che mi farà avere lei le impegnative, mano a mano che serviranno. Dopo una settimana mi rifaccio il tampone UK: positiva. Non mi stupisco neanche di questo ma lascio a mio figlio, fuori dalla porta, il mio green pass in versione cartacea; la fa testare in due bar diversi: funziona, potrei fare quello che, ne sono convinta, fanno in tanti: ci provano, escono, vanno a farsi le loro piccole commissioni e poi tornano alla loro quarantena light. Io no, non lo faccio, perchè se sarà forse vero che prima o poi questa forma di covid ce la passeremo tutti, io resto un doberman inside, le regole le seguo.
Intanto però tra una serie su Sky e un libro ripenso a quel venerdì, quello nel quale facendo due conti mi sono infettata. Cosa caspita ho fatto di diverso quel giorno? Nulla. Ho lavorato da casa, sono stata a bere un caffè e a comprare un quotidiano nel solito enorme bar-edicola-tabaccheria; lì ho igienizzato le mani dopo aver pagato, ho consumato seduta, nella saletta eravamo pochi, forse sei, otto persone, tutti distanti. Sono passata all’ipermercato dove ho disinfettato il maniglione del carrello, mi sono ri igienizzata le mani dopo aver pagato, sono salita in auto e tornata a casa dove sono rimasta. Gesti diventati automatici dopo quasi due anni di questa immane fetecchia che ci è piovuta addosso. Non che mi aspetti che mi si accenda una lampadina sopra la testa tipo “Sì, saranno stati i due pensionati del tavolo più vicino al mio, quelli persi nel loro grattaevinci” o “Sì, sicuramente le mani della cassiera” “Sì, sicuramente il bastardo era sula confezione di Pavesini”, però la curiosità resta e tale resterà. Per fortuna non sono stata troppo male, mai una linea di febbre, solo malessere e questo maledetto raffreddorone che ancora un pò persiste, infatti sono ancora positiva. Dal mondo esterno mi raccontano della città vuota, dei cartelli chiuso per malattia sulle porte di molti negozi, della gente sempre più incazzata. Io resto qui e aspetto. Martedì il secondo tampone al drive-in.
Spero negativo perchè sinceramente ne ho le tasche piene.

Un saluto a chi passa. Lo so che ogni giorno incredibilmente qualcuno passa a leggermi, anche se i blog come questo sono passati di moda. ; )

Questa voce è stata pubblicata in Da oggi in poi. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Omicron? Celo!

  1. willyco ha detto:

    Anzitutto stai bene, poi trovare il responsabile sarà arduo, ma di sicuro non te lo sei attaccata da sola.

  2. metalupo ha detto:

    Ormai per noi trivaccinati, la rottura dippalle è la parte burokratika piuttosto che la bestiolina Omicron.
    Forza&coraggio, passa.

  3. Diemme ha detto:

    Santo vaccino. Per la causa del contagio, conosco gente paranoica come te e peggio di te che si è comunque contagiata. Ha ragione un mio conoscente che dice che oramai risulterà non averlo contratto solo chi non s’è fatto il tampone.

    • Dovesei ha detto:

      Pensavo che la prima frase del mio post evitasse commenti in cui mi si da della paranoica (e comunque il paranoico è terrorizzato da minacce inesistenti).
      Penso che prima di entrare a gamba tesa bisognerebbe capire perché una persona cerca di evitare questo virus. Io lavoro in proprio, il che equivale a dire che se non lavoro non guadagno una cippa.
      Seconda osservazione: non puoi sapere cosa ho visto e vissuto in questi quasi due anni, perché i timori arrivano anche da perdite o da persone care per le quali questa malattia non è stata un semplice, rompente mega raffreddore o simil influenza. E quindi sì, per me il vaccino è un’ottima cosa, voltandomi indietro e vedendo quanti, in assenza di questo, sono stati malissimo o non ci sono più.

  4. Caterina Milanesio ha detto:

    E’ difficile capire da chi sia arrivato il contagio. Io conosco molte persone che sono attentissime, eppure sono state contagiate. L’importante è che la malattia sia leggera, un po’ come la classica influenza di un tempo. Piuttosto a me viene spontanea una domanda: siamo poi sicuri che, ogni
    volta, si tratti di Covid? Io non ho ancora sentito una persona che abbia avuto la classica influenza o il tradizionale raffreddore di una volta. E’ sempre Covid. Basta avere un po’ di muco nel naso ed ecco che è arrivato il Covid. Ho sentito che, lavando bene l’interno delle narici e disinfettandole con l’acqua ossigenata, si diventa subito negativi. Insomma…non si capisce più nulla. In ogni caso ti auguro una rapida guarigione ed un ritorno alla vita normale e lavorativa. Un abbraccio!
    http://viracconto1.blogspot.com

  5. Nuvola ha detto:

    Il fatto è che il covid è contagioso… Quindi, nonostante le tue precauzioni, una probabilità di prenderlo c’era. Penso che il decorso sia stato non pesante grazie al vaccino.
    Dai, spero nessuno strascico.
    Qui dove sono (Svezia) hanno sollevato tutte le restrizioni da mercoledì. A dire il vero sono contenta, ero stufa di lavorare da casa. Spero che piano piano tutto torni alla normalità di prima.
    Un saluto

  6. Paoladazero ha detto:

    Ci sei ancora!! Sei un mito!

Vuoi commentare?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.